Tag: #formamentis

Blog

Gli effetti dello STRESS

Vi siete mai soffermati a riflettere sugli effetti dello stress?
Secondo voi è un fenomeno funzionale o disfunzionale per il nostro organismo?

Leggendo il libro “Il lato positivo dello stress” della psicologa Kelly McGonigal ho realizzato che le mie credenze nei confronti di questo fenomeno che si verifica quasi quotidianamente sono cambiate, parafrasando la psicologa Alia Crum il modo in cui pensiamo a qualcosa può trasformare l’effetto che ha su di noi mentalmente e fisicamente.

Durante i momenti di stress nel nostro corpo aumentano la concentrazione di cortisolo e il deidroepiandrosterone (DHEA), ovvero gli ormoni dello stress, che in questo caso hanno due ruoli diversi.

Il cortisolo ci aiuta a trasformare gli zuccheri e il grasso in energia, migliorando la capacità del cervello di utilizzarla.

Il DHEA è un neurosteroide, ovvero un ormone che contribuisce alla nostra crescita facendoci diventare più forti in seguito a esperienze stressanti.

Il rapporto dei valori di questi due ormoni (chiamato indice di crescita delle risposta dello stress) giocano un ruolo fondamentale soprattutto sugli effetti a lungo termine dello stress, perché i livelli troppo alti di cortisolo influenzano il peggioramento del sistema immunitario, mentre i livelli troppo alti di DHEA comportano una riduzione di ansia e depressione. Un indice di crescita elevato, che corrisponde a livelli di DHEA superiori rispetto al livello di cortisolo, ci aiuta a crescere e migliorare le nostre capacità sotto stress, sviluppando cosi la perseveranza e la resilienza.

Gli effetti che lo stress ha su di noi e sulla nostra vita dipendono molto dalla nostra Forma Mentis, ovvero da tutte quelle convinzioni e idee, frutto delle nostre esperienze e apprendimenti, che guidano i nostri comportamenti, e K. McGonigal lo associa ad un filtro attraverso il quale si osserva il mondo.

Attraverso gli studi sullo stress la psicologa Crum ha dimostrato che chi ha delle convinzioni positive sugli effetti di quest’ultimo vive una vita più felice, trasformando le difficoltà in opportunità e sfide da affrontare, e in quest’ottica credere che lo stress faccia bene diventa una profezia che si auto avvera.

Anche se le nostre convinzioni sono frutto delle nostre esperienze passate e delle influenze che abbiamo subito in ambito famigliare o sociale, non significa che siamo condannati a vivere credendo solo in quelle. La nostra personalità, cosi come le nostre idee, pensieri e convinzioni, possono cambiare e prendere la direzione che decidiamo proprio noi stessi, e il primo passo potrebbe essere proprio quello di iniziare a credere che sia possibile farlo.

Come fare questo cambio di mindset?

La psicologa Kelly McGonigal ci suggerisce 3 passaggi, ovvero:

  1. Apprendere un nuovo punto di vista” rispetto ad un determinato argomento. Se appartenete alla categoria di quelli che credono al concetto che lo stress fa male, potete esercitarvi su questo esempio.

  2. Fare un esercizio che incoraggi ad adottare e applicare il nuovo atteggiamento” Rimanendo sull’episodio di prima, credenze sullo stress, la prossima volta che vi sentite stressati osservate attentamente quali sono i senali che il vostro corpo vi invia, perché magari il cuore che batte più forte e più velocemente è semplicemente una conseguenza del fatto che stanno aumentando i livelli di ossitocina e adrenalina, per prepararvi ad agire al meglio delle vostre forze riducendo la risposta alla paura e incentivando il coraggio ad agire.

  3. Offrire un’opportunità per condividere l’idea con altre persone” Far presente questo nuovo punto di vista ai vostri amici e conoscenti potrebbe aiutarvi a condividere nuove idee e a far riflettere anche le persone che vi circondano.

Nei prossimi articoli approfondiremo insieme quali altri aspetti sono nascosti dietro ai vari meccanismi che scatenano lo Stress.

Fonte: “Il lato positivo dello stress” Kelly McGonigal

Read More